— IN ALTRE PAROLE… E IMMAGINI!

Una percezione diversa del mondo della fotografia!

Per un pugno di X(pher)…

XPher

Nuova versione grafica per il mio blog e nuovi “pensieri” sul mondo della fotografia. Iniziamo allora!
Lo spunto per una prima riflessione è arrivato bevendo un caffè in compagnia di amici.
Sarà capitato anche a voi di visitare il sito personale di qualche fotografo e di leggere la parola “photographer(dico subito che sul mio sito personale la troverete… anche se non so ancora per quanto!!!), vero?

Il pensiero dei miei amici non è troppo lontano da quello del popolo della rete.

Molti ritengono che “photographer” identifichi il fotografo come professionista; perciò giudicano inappropriato che l’appassionato di fotografia si qualifichi come “photographer“.

C’è chi ha pensato di prendere subito le distanze definendosi “I’m not a photographer” (presa di posizione parziale che lascia la questione irrisolta), c’è chi sostiene che definirsi “photographer” è solo una moda senza senso.
In effetti “photographer” non significa nient’altro che “fotografo” anche se, scritta in inglese, devo ammettere che dona una certa importanza al fotografo e fa certamente più “trendy”.

Al di la di quale possa essere la posizione di ognuno e di quale sia la verità assoluta (semmai esistesse!), io vorrei andare un po oltre alle pure e semplici definizioni.
La fotografia, dalla sua nascita, è passione e mestiere fino a fondersi completamente nei maestri del genere. Internet ne ha solamente allargato il perimetro rendendola di maggiore fruizione. Quando un fenomeno di qualsiasi tipo diventa di massa si cerca di definirlo, delinearlo, disegnarli i confini, i limiti, ecc.

Ma può essere un appellativo il vero problema? E’ realmente il titolo che fa il fotografo o è il fotografo che si merita il titolo con la sua bravura?
Io comprendo la posizione di tutti, ma mi preoccuperei e indignerei di ben altre cose che ruotano intorno al mondo (fantastico) della fotografia. Non credo che il “photographer” amatore possa togliere nulla al bravissimo (se realmente lo è) professionista “photographer“!!! Ne sono convintissimo.
La radice di questo “gran chiacchierare” è l’esplosione del fenomeno grazie alla rete. Lungi da me dare a tutto ciò una connotazione positiva o negativa. Ognuno è in grado di avere una sua idea sull’argomento. Il vero problema semmai è dare/avere la giusta dimensione di ogni cosa che si vede e si guarda. Ciò che fa “fotografo” è vivere la fotografia ogni giorno, pensare la fotografia ogni giorno.

Rispondi: